You are currently viewing IL BON TON DEL VAFFANCULO

IL BON TON DEL VAFFANCULO

Qui non si parla di un vilipendio dai toni sgarbati bensì di una sorta di Vaffanculo elegante, inteso come liberazione catartica.

Secondo Treccani il significato di Vaffanculo è:

”Espressione offensiva rivolta a chi dà fastidio, annoia, o comunque non si sopporta, perché smetta e se ne vada: «ma v.,m’hai proprio seccato!»; «Chiedimi subito scusa», «V.!»; o anche manifestazione di forte dispetto e contrarietà: «ho perso il treno, v.!».

In realtà è molto più di questo, sì perché è un vero e proprio cambio di rotta, una scelta di vita spesso necessaria.

Quando si palesa all’interno di un rapporto di qualsiasi genere, effettivamente è un elemento di rottura.

Ecco quindi una sorta di Bon Ton del Vaffanculo, per essere sempre e comunque educati, corretti ma soprattutto chiari.

Il grande fascino del Vaffanculo consiste in un’opportunità di confronto con il prossimo ed è importante per l’autostima. 

Può essere terapeutico, una liberazione da un sopruso o addirittura da un’agonia, un’angoscia penetrante.

Possono esistere essenzialmente due tipi di Vaffanculo: quello silente ma incisivo, oppure quello dichiarato e forse direi anche più liberatorio.

Nel primo caso può essere utile un atteggiamento di questo tipo perché arriva sempre un momento in cui si realizza che chiarire con quel determinato individuo sia inutile. Vuoi per ignoranza, perdita totale di fiducia oppure una stupidità tale da ritenere una perdita di energie confrontarsi. Un tempo non ero d’accordo con questa scelta, ritenevo si dovesse sempre e comunque chiarire… poi a un certo punto, crescendo, maturando, affinando di più il mio carattere, ho scoperto che mi piace non dare spiegazioni e sparire con chi mi ha ferito. Ho cominciato a dare molto valore a ogni singolo istante e a capire che la persona in riferimento non valesse neanche più una briciola del mio tempo che è prezioso, unico e soprattutto non torna più.

Questa tecnica consiste nell’indifferenza totale. Non si risponde più alle telefonate, ai messaggi e se ci si imbatte sfortunatamente in codesta persona ci si gira dall’altra parte.

Esistono tantissime facce di bronzo che dopo averla fatta grossa, fanno finta di nulla ma l’importante è mantenere la propria linea di condotta, senza pietà. 

Mandare a fanculo in questo modo è un’arte raffinata, davvero di pregevole fattura, un modo seducente di porre fine a un rapporto ormai logoro, che sia d’amicizia, amore o di lavoro. 

Il fatto che inizialmente la suddetta persona non se ne renda conto mi intriga. Quando Vasco canta ” uscirò dalla tua vita talmente piano che… quando ti sveglierai, non te ne accorgerai” sintetizza il concetto in pura poesia di quello che è un modo di fare che dovrebbe diventare quasi un’attitudine in certe circostanze.

Questo tipo di Vaffanculo, devo quindi ammettere, essere il mio preferito. L’importante è sempre essere impeccabili e mantenere un contraddistinto savoir-faire.

Benché sia tacito, richiede le stesse energie di quello dichiarato. Quest’ultimo di per sé, di primo acchito, procura più soddisfazione ma direi che esige in ogni caso molto autocontrollo per non sfociare nella volgarità. Quindi non cederai mai a un Vaffanculo mentre si è alla guida (anche se estremamente difficile) o al Vaffanculo da coda saltata. Sono inutili e avendo probabilmente a che fare con qualcuno dall’educazione ridotta, difficilmente otterrai qualcosa.

Via libera invece a un Vaffanculo detto, ma con classe. Quella classe che solo la certezza e la consapevolezza possono offrire. Sì, perché arrivati al capolinea, è sempre meglio un Vaffanculo oggi piuttosto che due domani. Un modo sofisticato è augurare tutto il meglio a questa persona, spiegare che per te il ‘’lieto fine’’ non esiste e dileguarsi. Un Vaffanculo pulito senza fronzoli che comporta un minimo di spiegazioni. Sempre che ne valga la pena. Oppure si può optare per un ‘’ ma Vaffanculo, va’!’’ alla Diego Abatantuono, solo in casi estremi ma non certo accompagnato da insulti e gestacci. Il vero signore o signora saprà dominarsi ed esclamare queste parole senza urlare e anzi sfoggerà una calma che lascerà l’interlocutore davvero spiazzato.

Questo tipo di sistema funziona ed è di solito il frutto di un’ esasperazione totale. Rimane comunque pulito, anche se meno sobrio ed è di grande effetto.

Il dopo è importante e deve tener conto di chi lo riceve. Porsi quindi qualche domanda a riguardo è utile. Ad esempio se la persona in oggetto è fornita di intelligenza o meno. 

Se il Vaffanculo comunque è chiaro, difficilmente darà adito a fraintendimenti.

Chi è elegante non si lascia mai coinvolgere in pettegolezzi con amici o conoscenti, che lasciano sempre il tempo che trovano; sì perché l’unica verità che conta è la tua verità e non hai bisogno di consensi e risatine dietro le spalle del fanculizzato.

Se dovesse occorrere un consiglio ci si rivolgerà solo ed esclusivamente in famiglia o a un amico stretto e riservato.  

La vera signora o signore sa che l’obiettivo è stato raggiunto e che il “buon gusto” farà comunque da padrone, tanto il soggetto in questione a fanculo è andato e lì rimane.

IMPORTANTISSIMO:

Come mandiamo a fanculo gli altri anche noi dobbiamo necessariamente saperci andare.

Al Vaffanculo non ci si sottrae, bensì lo si accetta con grazia e nonchalance. Qui dovrei scrivere un altro capitolo intitolato ‘’L’arte di andare a fanculo’’ ma mi limiterò semplicemente a dire che l’accettazione di esso è intrinseco di un atteggiamento distinto.

Sono le sfumature che denunciano l’eleganza prima di tutto di un comportamento corretto, se ci rifletti bene infatti se ti mandano a fanculo è perché o ti hanno preceduto oppure avresti voluto farlo tu e non ne hai avuto il coraggio. Mai dunque esimersi dall’andarci. Mai. Nemmeno dopo la morte. Un Vaffanculo è imperituro e va infatti al di là della vita terrena. 

Mi viene in mente mio papà che mi fa sempre ridere con tutte le sue battute e il suo spirito ironico. Quando parla di qualcuno che non c’è più ma che era comunque uno stronzo ‘’buonanima’’ mi dice: ‘’ Nominandolo da vivo però…’’

Sì, perché il biglietto del Vaffanculo è in prima classe, senza scali e dura per sempre nei meandri dell’eternità.

 

Questo articolo ha 8 commenti.

  1. Mario

    Muoio 🤣🤣🤣🤣🤣

  2. Serena

    Filosofia di vita! Condivido! 🤗

  3. Paola

    Uaaaaaaaa 😂😂😂

  4. Ginny

    Te lo rubo! 🤣

  5. Sara

    🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

  6. Dodo

    Condivido tutto ciò che hai scritto! Super 😂

  7. Dodo

    Mi piace tutto ciò che hai scritto! Super 😂

Lascia un commento