Questo è assolutamente il periodo giusto per rimettersi in forma. L’estate arriverà in fretta e la fatidica prova costume è alle porte! Per cominciare in modo sano, mi sono affidata a Exante per una settimana e ora mi sento benissimo. Quando mi sveglio la mattina, mi accorgo immediatamente di sentirmi più leggera ma anche più energica.

Ho scelto il piano total solution, che consiste nell’unire 3 prodotti Exante al giorno (600  calorie complessive) con 2 piatti sani, per raggiungere le 1200 calorie giornaliere. 

Exante offre prodotti sani, ricchi di vitamine, minerali, fibre e con 17 g di proteine!

Al mattino solitamente mi alzo intorno 7:30 e immediatamente bevo due enormi bicchieroni d’acqua, poi faccio colazione con uno dei loro frullati. Lo preparo in un secondo, verso 200 ml di acqua aggiungo la bustina, agito il contenuto ed è pronto!  

Ha un sapore così buono che quando finisco di berlo, ribalto lo shaker per bere fino all’ultima goccia. Sembrano dei veri e propri frullati tanto sono squisiti.

Intorno alle 10:00 mi concedo uno spuntino a base di more, lamponi e yogurt magro bianco.

È in uscita il mio nuovo libro “Tavino, l’aspirante medico” perciò vi lascio immaginare che periodo sia questo per me. La soddisfazione è immensa direttamente proporzionale alla stanchezza, ed è per questo che sono stata ben felice di iniziare questa dieta, facendo il pieno di proteine ed energia!

Inoltre, solitamente, passo la mattinata a rispondere alle e-mail e a lavorare su alcuni post del blog in arrivo. A mezzogiorno esatto, come un orologio, preparo i laboratori del pomeriggio per i miei clienti, che arriveranno da lì a breve al Centro Artistico. Devo ammettere che sono felice quando arriva l’ora di pranzo e posso prendermi una pausa! Il pasto in questo caso è un piatto preparato da me in cui preferisco inserire dei carboidrati ( per bilanciare il tutto). Scelgo, infatti, spaghetti al pomodoro e basilico oppure un avocado toast o del cous cous con verdure.

Nel pomeriggio, sorseggio una tisana disintossicante e abbino una barretta Exante

Trascorro il pomeriggio completamente in piedi, passando da un cavalletto all’altro per fare lezione, ma per tutta la settimana mi sono sentita leggera e anche energica. Un bel cambiamento di vita!

La mia cena è  composta da un altro frullato. Ho cambiato sempre gusto (per non annoiare il palato) e ogni volta ho pensato: ‘’anche questo mi piace!’’ 😍

Dopo cena, circa un’ora prima di andare a letto, preparo una grande tazza di tisana chiamata dalla mia erborista “ tisana della sera”. Contiene: malva, tiglio, camomilla, passiflora, valeriana, biancospino e verbena. Aiuta a purificare il corpo dalle tossine e a dormire meglio la notte. Vado a letto sentendomi contenta ed entusiasta e aspetto di vedere come mi sentirò la mattina dopo e devo dire che i benefici si sono sempre sentiti.

I miei prodotti preferiti per ora sono stati:

Frullato senza aroma ( confezione da 7)

Frullato al cioccolato

Frullato alla vaniglia

Frullato fragola e banana

Frullato al cioccolato bianco e lampone

Barretta proteica al doppio cioccolato

Barretta proteica lampone e cioccolato bianco

Potete anche optare per il Pacchetto di una o più settimane

Inoltre sono appena usciti i nuovi Frullati Vegan, che non vedo l’ora di provare!

Qualche piccolo consiglio da parte mia:

Bevete tantissima acqua, io ne bevo circa due litri al giorno.

Sono una pigrona ma ultimamente faccio ginnastica due o tre volte a settimana. Sto lavorando moltissimo e più di così non riesco con i tempi, ma quest’estate proverò a fare esercizio fisico anche 4 volte la settimana.

A questa dieta ho voluto aggiungere tanta frutta e verdura, vi consiglio di fare altrettanto.

Conclusioni:

Mi sento meglio, sia da un punto di vista di energie sia come linea. Ho perso circa 2 kg in una settimana. La mia pelle è più luminosa e mi sento sgonfia.

Grazie a tutti per aver letto, se anche voi avete provato i loro prodotti o siete incuriositi e volete provarli, fatemi sapere. Mi piacerebbe avere le vostre opinioni!

xo xo,

Elena

Buonasera a tutti! Oggi voglio condividere con voi la mia Hair Routine, specialmente ora che dopo il freddo di questi mesi, tra poco i capelli dovranno vedersela con il mare e lavaggi più frequenti. Credo proprio che vi farà piacere leggere questo articolo venendo a sapere che se ce l’ho fatta io, c’è speranza per tutti! Sì perché i miei capelli, se non li curassi, sarebbero assolutamente crespi e indisciplinati. Mi fate sempre un sacco di complimenti e vi ringrazio tantissimo ma sappiate che è tutto frutto di cure e tanti tentativi.

Li ho sempre curati molto, sono letteralmente fissata, mi piace averli puliti e in ordine. Comunque, nonostante l’aver provato veramente di tutto, è solo da circa tre anni che ho scoperto il top e riesco a nutrirli sul serio. Mi trovavo in Sardegna e stavo cercando una maschera per capelli nella profumeria del Resort, la commessa che era davvero brava e molto competente mi chiese se volevo provare la maschera/novità di Kérastase e mi diede un campioncino. Ricordo che appena la provai rimasi subito colpita da quanto erano soffici e lucidi. Il giorno dopo la acquistai entusiasta. La maschera in questione è Masque Thérapiste  , un trattamento nutriente e intensivo che è la soluzione ideale per contrastare l’effetto crespo e gestire al meglio la chioma.

Masque Thérapiste ripara la fibra capillare in profondità, restituendole forza ed elasticità. I capelli sono rinforzati e rivitalizzati, morbidi e cosa fondamentale… senza doppie punte! Avranno davvero una seconda vita. Tutti i prodotti della linea Kérastase Résistance ricostruiscono la loro struttura interna, rafforzandoli e rendendoli più resistenti, rinnovando la qualità della fibra capillare.

Inizio la mia routine con lo shampoo Bain ThérapisteÈ uno shampoo fenomenale. Durante il lavaggio, avvolge la fibra nutrendo i capelli in profondità e donando lucentezza e morbidezza.  

Lo applico dapprima sulle lunghezze e sulle punte fino a formare una schiuma. Distribuisco poi il prodotto sulle radici con un movimento dal basso verso l’alto del capello. Massaggio e risciacquo. Tampono con un asciugamano apposito e applico Masque Thérapiste.

La massaggio sulle lunghezze e sulle punte e lascio agire agire 5 minuti ( se non ho fretta anche 10/15 minuti).

Un’ottima idea per ottimizzare il tempo è quella di effettuare uno scrub al corpo mentre si tiene in posa la maschera! 😉 Dopo emulsiono per un minuto circa e risciacquo abbondantemente, prima con acqua tiepida e poi fredda.

L’acqua fredda aiuta a mantenere i capelli sani, li rende più forti e lucidi. 

Li lascio qualche minuto avvolti nell’asciugamano asciutto a mo’ di turbante e dopo applico sulle lunghezze e soprattutto sulle punte Sérum Thérapiste .

Asciugo i capelli senza esagerare col calore del phon e poi se li voglio perfettamente lisci utilizzo la mia piastra Bellissima Absolute di Imetec con tecnologia a infrarossi.

Gli infrarossi li rendono due volte più lisci e lucidano il capello senza assolutamente rovinarlo.Questa piastra è una vera e propria rivoluzione e tra l’altro si riscalda in un attimo, la temperatura è regolabile. Per me è l’ideale perché avendo piastre larghe, rende l’operazione più veloce anche in presenza di chiome lunghe e folte come la mia. Il design è davvero bello, l’impugnatura è in pelle zebrata, circoscritta da due accenti cromati e luccicanti;  mentre sul manico si trova uno schermo con retroilluminazione blu, che consente di visualizzare la temperatura, che oscilla tra i 160 e i 230 gradi, in ogni momento e in qualunque condizione di luce. I materiali con cui la piastra è assemblata sono di ottima qualità. È inclusa, inoltre, una custodia termo protettiva.

A fine styling utilizzo qualche goccia di Kérastase Chonologiste Le Parfum En Huile.

Vedrete, utilizzando questi prodotti avrete risultati sin dal primo giorno!

SHOP THE POST- PER ACQUISTARE I PRODOTTI:

Shampoo Kérastase Resistance Bain Therapiste 250ML

Da mettere dopo lo styling ➡️  Kérastase Chronologiste Le Parfum En Haule

Kérastase Resistance Masque Therapiste 500ML

Kérastase Resistance Masque Therapiste 200 ml

Da mettere prima dell’asciugatura ➡️  Kérastase Resistance Serum Therapiste 30ML

Per risparmiare ➡️ L’intera Linea ad un prezzo scontatissimo

Piastra Bellissima Absolute di Imetec

 

Tutte le foto sono di FOTODIBORDO

Grazie per aver letto,

xo xo

Elena

Oggi è un giorno speciale per chi ha nel cuore qualcuno che gli fa venire ancora la voglia di viverlo. Per tanto, troppo tempo, non ho capito una cosa fondamentale: la persona giusta è quella che ti fa stare bene.

Io e Mauro ci siamo conosciuti quando avevamo tredici anni perché andavamo nella stessa scuola. Ogni volta che io arrivavo lui smetteva di parlare e generalmente se ne andava. Non mi considerava mai insomma… O almeno io credevo.

Sì perché appena iniziarono le vacanze estive cominciarono ad arrivare a casa strane telefonate, da un gruppo di ragazzini, di cui l’ideatore era proprio Mauro 😂 Mi facevano scherzi anonimi insomma, tutti i giorni, sempre alla stessa ora, quando rientravano dal mare.

Me lo ricordo bene, era sempre intorno alle 18,30. Io rispondevo, loro sghignazzavano, mi chiedevano se mi piaceva qualcuno della scuola, poi mi prendevano in giro e così via… all’infinito. Sinceramente la cosa dopo circa un mese e mezzo cominciò a infastidirmi. Fortunatamente una mia amica che abitava vicino alla cabina telefonica del misfatto, li vide mentre mi chiamavano e me lo disse subito. Io sono sempre stata molto sensibile e allora non capivo che probabilmente se facevano così era perché a qualcuno di loro piacevo e anzi ci rimanevo male, così quando lo raccontai a mio papà escogitammo un piano.

Il giorno dopo avrei dovuto rispondere al telefono e avrei dovuto intrattenere una conversazione il più a lungo possibile con loro, nel frattempo lui con la macchina avrebbe raggiunto in men che non si dica il posto del reato per beccarli in flagrante. Così fu e la cosa funzionò. Mio papà arrivò lì e loro scapparono lasciando la cornetta penzolante. Da quel giorno fui libera, libera finalmente da Mauro e la sua gang 😂😅

Così è iniziata questa avventura, questa unione.

Sono una persona solare, libera, soddisfatta in tutto e per tutto della mia vita. Anche perché io amo la vita, la reputo un dono immisurabile, io sono viva. Sono viva in ogni mio aspetto, dalle idee vulcaniche alla gioia, alla passione, all’amore che provo per tutti i miei affetti. Purtroppo ho affrontato momenti molto dolorosi, a causa di un fidanzato che soffriva di una malattia gravissima: disturbo borderline di personalità. Questa povera anima stava così male che la cosa è finita nel peggior modo possibile lasciando un vuoto incolmabile. Un dolore immenso, un vuoto incontrollabile. Ecco, lì ho creduto davvero di non farcela da quanto stavo male.

Un giorno Mauro, come fosse una provvidenza divina, mi scrisse. Io ero nel baratro, e ci ho messo un bel po’ per uscire anche solo di casa. Erano settimane che fissavo il muro davanti a me, credendo di non farcela, credendo che non ci fosse più nulla per me al mondo che potesse farmi ancora sorridere. La prima persona che ho visto dopo tante settimane è stato Mauro. Ricordo ancora che appena sono salita sulla sua macchina, già mi sentivo a mio agio. Mi sentivo a casa. Gli raccontai tutto, del terribile avvenimento, dello shock e del dolore che provavo. A lungo mi è stato accanto, a lungo ha tenuto la mia mano mentre piangevo e non ha mai barcollato, non ha mai mollato. Nemmeno quando lui mi abbracciava e io lo respingevo, nemmeno quando rispondevo scocciata al telefono dicendogli di non chiamarmi più, nemmeno quando passavo tutta la notte a piangere. Lui è rimasto, è rimasto accanto a me. Non so come potrei essere più fortunata… Mauro è la prima persona pura che incontro nella mia vita. Quando fa una cosa per qualcuno la fa col cuore, e non pensa mai a un tornaconto. Quando arriva a casa fa splendere il mio cuore anche se ho avuto una brutta giornata. Mi ha insegnato di nuovo cos’è la fiducia, quando ormai l’avevo persa. Mi ha insegnato di nuovo a voler bene, ad amare… quando non riuscivo nemmeno più ad abbracciare nessuno. Mi ha fatto capire che davvero esiste qualcuno che quando ama , protegge l’altra persona da tutto e tutti e che vuole il suo bene al di sopra di qualsiasi cosa, ma soprattutto mi ha fatto capire che quest’ultima non è una frase fatta o un pensiero astratto.

Grazie amore, questa giornata (come tutto il resto) la dedico a te.

Elena

Parola d’ordine: animal friendly ma anche calda, morbidissima e very cool. L’ecopelliccia nacque negli anni ’30 a causa della crisi economica che costrinse a risparmiare sui filati, così l’industria della moda introdusse le fibre sintetiche. 

Negli anni ’60, grazie ai movimenti animalisti, la sua popolarità aumentò. La pelliccia ecologica venne quindi proposta come alternativa e non solo per motivi economici. In questo periodo spopolò tra le star, che la scelsero in vari modelli e nuance.

La rivoluzione di questi ultimi tempi, però, sta nel fatto che anche grandissimi nomi del mondo dell’abbigliamento hanno deciso di salvaguardare gli animali, scegliendo dei capi ottenuti con il solo impiego di fibre artificiali.

Finalmente le grandi Maison d’alta moda si sono unite sotto questo pensiero comune, da Gucci a Versace. Ma la grande promotrice di questa tendenza è stata Stella McCartney, che già nel 2015 le aveva proposte.

Durante un’intervista la grande stilista Donatella Versace (e mio avviso anche grande donna, per un’infinità di motivi) ha dichiarato: “La pelliccia? Sono ormai fuori da questo mondo. Non voglio uccidere animali per fare moda. Non mi sembra giusto”. 

Recentemente, durante la London Fashion Week, la British Fashion Council in accordo con gli stilisti britannici ha scelto di non far sfilare nessun capo d’origine animale. Una moda dunque all’insegna del motto: “fur free”.

Ed ecco ora qualche suggerimento su come abbinarla:

  •  Per un look ispirato agli anni ’60 ( il mio preferito!) va scelta over, con pelo lungo e abbinata a eleganti décolleté o a stivali bassi.
  • Di sera: l’ecopelliccia si può portare su un abito al ginocchio, un paio di pantaloni palazzo o un paio di pantaloni di ecopelle magari con le décolleté.
  • Easy: essendo un capo appariscente il look in ogni caso dovrà essere adeguato di conseguenza, rimanendo molto semplice altrimenti diventa eccessivo. Con un total black si va sul sicuro così come sul classico jeans e camicia.
  • Casual: un altro abbinamento che mi fa impazzire è con le sneakers. Essendo molto versatili, le pellicce possono essere abbinate molto facilmente anche con jeans, t-shirt e scarpe da ginnastica. Un look casual, ma allo stesso tempo sofisticato.
  •  Super Chic: abbinala a un vestito corto, stivali al ginocchio, calze scure. Se indosserai anche un cappello ampio il gioco è fatto.

Sono anche perfette e di tendenza le nuance coloratissime. Un must have da sfoggiare in colorazioni pastello o tinte fluo come il rosa e il blu elettrico.

Vi ho selezionato dei modelli strepitosi che tra l’altro sono in saldo! – SHOP THE POST:

Giubbotto OFF

Cappotto Pinko

Bomber Invicta

Blazer Elisabetta Franchi

Giacca Patrizia Pepe

Cappottino nero di Diffusione Tessile

Ecopelliccia marrone scuro di Diffusione Tessile

Giacca in tortora chiaro oppure in nero di Diffusione Tessile

Grazie per aver letto questo articolo!

xo, xo

Elena

Buon martedì a tutti! Oggi sono qui con un look che strizza l’occhio agli anni ’80. Sapete quanto io ami la moda di quel periodo ( e non solo, anche la musica!).

La moda delle Converse All Star  per me non è mai finita, è un amore che va avanti da tutta la vita! Un simbolo per eccellenza per un look sportivo e cool. Queste sneakers sono nate, nel 1923, come scarpe da basket. Ad idearle il giocatore Chuck Tailor che venne assunto nel 1921 dalla Converse, una compagnia specializzata nella manifattura di scarpe con suola in gomma e poi da tennis. Chuck lavorò, inizialmente, come venditore e ambasciatore, fino a quando creò il proprio modello, contrassegnato dall’iconica stella All Star.

Con il passare degli anni la sneaker divenne il modello per eccellenza della scarpa sportiva, ma vista la bellezza della scarpa, negli anni ’60, ’70 e ’80 cominciò a essere di moda nel mondo della musica, infatti molti musicisti e cantanti di gruppi rock indossavano queste scarpe. Dagli anni novanta sono tornate molto popolari, anche grazie alla scelta dell’azienda di produrre numerosissime variazioni sul tema, cambiando colori, materiali e forma delle scarpe originali.

In questi giorni, ed esattamente sino al 27 gennaio, potrete usufruire dei saldi con sconto del 50% , ma cliccando nel link di questo aricolo vi verrà applicato un ulteriore sconto del 25%.

SHOP THE POST- PER ACQUISTARE CON SUPER SCONTO DEL 75%

CONVERSE

Grazie per aver letto!

XO XO, Elena

Per me Trésor rappresenta davvero qualcosa di speciale, mi ricorda la mia mamma perchè lei lo usa da una vita. Ricordo ancora che da ragazzina glielo rubavo sempre per quanto era buono! Trésor è un profumo di Lancôme davvero mitico, nasce nel 1990 dall’artista profumiera Sophia Grojsmanè e da subito raggiunge un successo planetario. Rappresenta la femminilità, è un vero e proprio elogio all’eleganza. Arricchito con attivi idratanti e agenti detergenti, avvolge il corpo di freschezza e morbidezza. Come sapete adoro i profumi, ne provo sempre tantissimi, ma questo per me è insostituibile.

La sua piramide olfattiva è così suddivisa:

  • Note di testa: Albicocca, pesca, ananas, bergamotto.
  • Note di cuore:  Rosa, gelsomino, iris, eliotropio.
  • Note di fondo: Vaniglia, muschio, sandalo.

La fragranza nasce con note dolci e fruttate che si mescolano e legano ad accordi fioriti come la rosa Damascena e orientali come il sandalo e il muschio.

Questo Natale ho deciso di rinnovare la tradizione e regalarlo a mia mamma, in profumeria però sono stata attratta anche da Trésor La Nuit, che assomiglia a Trésor ma è più passionale. Da usare di sera, infatti è più intenso. Sta di fatto che non ho saputo scegliere e li ho acquistati entrambi!

COME APPLICARE TRÉSOR E LA NUIT TRÉSOR
Vaporizzare a circa 20 cm dalla pelle concentrandosi sulle zone più calde del corpo: l’interno dei polsi, dietro i lobi delle orecchie e dietro le ginocchia. La fragranza durerà più a lungo.

PER ACQUISTARE – SHOP THE POST

Trésor Eau De Parfum 100 ml

Trésor La Nuit 100 ml

Grazie per aver letto!

Buona serata e soprattutto Buon Anno Nuovo,

xo xo Elena

Sta cominciando già da giorni a sentirsi aria di festa… Ah, il Natale! Questa magia che scalda il cuore e riesce ancora a emozionarci, facendoci tornare ad assaporare la bellezza di un pranzo in famiglia tutti assieme. Per stare seduti a tavola, senza fretta, incuranti delle ore che passano. È il momento dell’anno che preferisco, il più intimo… il più dolce. Il Natale possiede un senso di pacatezza e armonia che mi rapisce completamente.

Quest’anno ho preparato tutto con largo anticipo, il lavoro mi sta impegnando moltissimo e avevo il terrore di non fare in tempo. Solitamente il primo di dicembre, a casa mia inizia ufficialmente ‘’la stagione’’. Questa è una tradizione tutta mia, so che si dovrebbe fare l’albero l’8 ma preferisco farlo prima e godermi appieno le feste. Il mio albero tra l’altro è alto 3 m e richiede qualche sforzo in più, che devo dire, viene completamente ricompensato.

Il primo di dicembre comincio a riempire letteralmente la casa di candele, metto negli umidificatori dei caloriferi oli essenziali di pino e di cannella. Ho anche acquistato un umidificatore in cui aggiungo all’acqua sempre queste fragranze, inserendo anche qualche goccia di bergamotto. La musica ha sempre avuto un ruolo fondamentale nella mia vita, non potrebbe quindi mai mancare un tocco natalizio anche in questo senso. Adoro Radio North Pole  , That Christmas Channel  e  Smooth Jazz Florida Christmas , ma recentemente ho acquistato vari cd che mi sono piaciuti moltissimo… tra cui  segnalo

Christmas At The Movies

Cerco di gioire pienamente di questo periodo e non mi piace farmi prendere dall’ansia dell’ultimo momento. Con una buona organizzazione si può fare tutto e bene, cogliendo solo il bello. Sono un’artista, da tempo ho imparato che quello che creiamo con le nostre mani è impagabile e dona una soddisfazione enorme. Dedico ogni minuto del mio tempo libero ai preparativi natalizi sapendo che poi sarò soddisfatta di me, d’altronde creare un ambiente che faccia stare bene tutti, per me, è davvero fondamentale.

Il protagonista assoluto è l’albero di Natale. Nulla riesce a creare di più l’atmosfera in casa, con lo scintillio delle sue mille lucine… e non mi stanco mai di guardarlo. A parer mio l’albero dovrebbe rispecchiare la personalità di chi lo fa. Io amo il Natale classico e quindi il mio albero è ricoperto di luci di un bianco caldo e le palline sono tutte di color rosso e oro.

Per fare un albero perfetto, e non importa se è piccolo oppure grande, ricordati di partire dal basso verso l’alto, inserendo dapprima le luci in modo molto aderente ai rami ( acquista delle luci che abbiano il cavo del colore dell’albero). Successivamente inizia a sistemare le palline e partendo sempre dal basso e lì riponi quelle più grandi e poi sempre più piccole man mano a salire. Sulla cima non può mancare una stella o il puntale.

Se hai la fortuna di avere una camino in casa tienilo acceso il più possibile, il potere della fiamma viva è enorme, riesce a rendere una stanza davvero molto romantica. Io purtroppo mi accontento del mio camino finto, che però decoro con grande spirito natalizio, da una ghirlanda verde alle calze della befana.

Posiziono l’albero di Natale sempre vicino alla finestra nel living, che per me è anche sala da pranzo, ma non dimentico mai di decorare tutta la casa, dall’ingresso, alla cucina e alla camera da letto di cui parlerò più accuratamente nel prossimo post. Ripongo così qua e là la mia collezione di angioletti e statuine in terracotta. In questo modo tutta la casa avrà un aspetto festivo e accogliente.

Tiro fuori, il mio ”Petit e il suo regalo di Natale”  e lo ripongo sul tavolino da caffè accanto al divano, in modo che tutti coloro che verranno a trovarmi in quei giorni, potranno leggerlo. Oltre al mio libro, non mancano mai  ”Piccole Donne””Il Natale di Poirot””Canto di Natale”.

PER ACQUISTARE LE DECORAZIONI DEL MIO ALBERO- SHOP THE POST:

Albero di Natale

Altro Sito per Alberi di Natale

Sfera oro Mirage

Pendaglio a cuore

Angelo dorato

Candela Oro

Candela Oro Lucido

Nastro in stoffa rosso

Candelabro Millennio

Sfera Glitterata Oro (diametro 20 cm)

Confezione di 6 Sfere in vetro Oro e Brillantini

Sfera in Vetro Oro chiaro

Confezione di 4 Sfere Glitterate Oro

Sfera in Vetro Rosso Scuro Opaco

Sfera in Vetro Rosso Lucido

Confezione da 4 Sfere Twist Oro

Renna di Legno

Tappeto

PER ACQUISTARE IL MIO LIBRO

Petit e il suo regalo di Natale

Grazie per aver letto! Nei prossimi articoli parlerò dei vestiti e look vari per le feste nonchè della Camera da letto!

xo xo,

Elena

Recentemente ho iniziato a pensare a delle idee regalo per questo Natale… non avevo calcolato che manca davvero poco! Come ogni anno arriva in fretta e così cerco di organizzarmi per tempo.

L’Occitane En Provence è una marca favolosa con una gamma di prodotti un po’ per tutte le tasche. Ho selezionato per voi una lista con varie idee che potrebbero essere utili!

Una delle idee più originali è il

CALENDARIO dell’AVVENTO di BELLEZZA 

Quest’anno per Natale, L’OCCITANE si unisce alla Maison CASTELBAJAC Paris per proporre due calendari dell’avvento pop, festivi e colorati. 24 caselle che racchiudono 24 tesori di bellezza per una piacevole attesa fino a Natale.

Davvero ad un prezzo interessante di 49,00 Euro c’è il Il Calendario dell’Avvento dei Sogni- Classico in cui troverete:

– 1 Crema Mani Fleurs de Cerisier 10ml
– 1 Shampoo 5 Oli Essenziali 35ml
– 1 Mandorla Concentré de Lait 20ml
– 1 Sapone Foglie Verveine 25
– 1 Balsamo Labbra Ultra-Riche Karité 3ml
– 1 Mousse Douceur Fleurs de Cerisier 35ml
– 1 Crema Mani Mandorla 10ml
– 1 Olio Doccia Mandorla 35ml
– 1 Latte Corpo Perlé Fleurs de Cerisier 35ml
– 1 Crema Piedi Karité 10ml
– 1 Gel-Crema ManiVerveine 10ml
– 1 Zucchero Effervescente Tonificante per il Bagno 33g
– 1 Olio Doccia Corpo Karité 35ml
– 1 Crema Doccia Ultra Riche Karité 30ml
– 1 Crema Viso Confort Légère Karité 5ml
– 1 Crema Précieuse Immortelle 5ml
– 1 Eau de Toilette Verveine 10ml
– 1 Crema Mani Karité 10ml
– 1 Sapone Extra-Doux Lait au Karité 25g
– 1 Latte Corpo Ultra-Riche Karité 30ml
– 1 Gel Doccia Verveine 30ml
– 1 Latte Corpo Verveine 30ml
– 1 Sapone Gourmand Amande 50g
– 1 Balsamo ai 5 Oli Essenziali 35ml

A 99,00 Euro invece c’è la possibilità di acquistare Calendario dell’Avvento delle Stelle Premium dove troverete:

– 1 Latte Corpo Ultra-Riche Karité 30ml
– 1 Olio Jeunesse Divine 4ml
– 1 Essence Idratante Aqua Réotier 30ml
– 1 Crema Mani Amande 10ml
– 1 Acqua Micellare 3-in-1 Karité 30ml
– 1 Sapone Gourmand Amande 50g
– 1 Shampoo Riparatore Capelli Secchi e Rovinati Aromachologie 35ml
– 1 Crema Mani Karité 10ml
– 1 Balsamo Riparatore Capelli Secchi e Rovinati Aromachologie 35ml
– 1 Crema Viso Confort Légère Karité 5ml
– 1 Olio Doccia Amande 35ml
– 1 Balsamo Illuminante Terre de Lumière 10ml
– 1 Crema Précieuse Immortelle 5ml
– 1 Latte Corpo Perlé Fleurs de Cerisier 35ml
– 1 Crema Divine 4ml
– 1 Mandorla Concentré de Lait 20ml
– 1 Olio Doccia Karité 35ml
– 1 Eau de Toilette Verveine 10ml
– 1 Gel Ultra Idratante Aqua Réotier 8ml
– 1 Olio Souplesse Mandorla 15ml
– 1 Balsamo Labbra Ultra-Riche Karité 3ml
– 1 Crema Mani Fleurs de Cerisier 10ml
– 1 Eau de Parfum Terre de Lumière 5ml

A soli 29,00 Euro c’è TROUSSE BELLEZZA NATALE dove 9 essenziali di bellezza corpo e capelli si nascondono in una trousse colorata!
La Trousse Bellezza Natale contiene:
– 1 Savon Extra-Doux Lait au Karité 50g
– 1 Olio doccia Mandorla 35ml
– 1 Crema Mani Karité 10ml
– 1 Crema Piedi Karité 10ml
– 1 Gel Doccia Verbena 30ml
– 1 Latte Corpo Verbena 30ml
– 1 Sapone Verbena 50g
– 1 Shampoo Riparatore Capelli secchi e danneggiati Aromachologie 35ml
– 1 Balsamo Riparatore Capelli secchi e danneggiati 35ml

Avete mai provato il Sapone Gourmand alla Mandorla ?

È un sapone in piccolo formato, perfetto per esfoliare le mani o le zone ruvide del corpo, al dolce profumo di mandorla. Ed è in Edizione Limitata. Se volete fare un pensierino è l’deale perchè costa solo 5,00 Euro. Come adatto sarebbe il Sapone Extra-Dolce al Karité  (8,50 Euro!) È, appunto, un sapone arricchito di Karité che deterge il corpo e le mani con dolcezza. Sempre in Edizione Limitata. Anche il SAPONE PROFUMATO ARLÉSIENNE 

che costa solo 4,50 Euro sarebbe adatto per un piccolo presente. È un sapone profumato al bouquet floreale e inebriante d’Arlésienne che unisce tre fiori della Provenza: la rosa, la violetta.

Ottima idea è pure il Mini Cofanetto Regalo FLEURS DE CERISIER NATALE

Un cofanetto che raggruppa 3 essenziali della linea Fleurs de Cerisier (19,50 Euro).
All’aroma fresco e agrumato dellaVerbena. Una bella sorpresa da mettere sulla tavola di Natale per sorprendere gli ospiti (49,00 Euro).
Vorrei, inoltre, segnalarvi una crema che sto provando in questi giorni e che è perfetta se volete la pelle morbidissima ma senza ungervi troppo, Crema Corpo ULTRA LÉGÈRE
 Questa crema idrata fino a 24h con un’incredibile formula (32,00 Euro).

Ottimo come gel-doccia Olio Doccia alla Mandorla

Arricchito con olio di mandorla di Provenza, questo olio doccia si trasforma a contatto con l’acqua in un velo delicato che deterge il corpo con dolcezza, lasciando la pelle deliziosamente satinata e profumata (18,00 Euro).
PER ACQUISTARE-SHOP THE POST (in ordine di prezzo crescente):

Sapone Gourdmand alla Mandorla

Sapone Extra-Dolce al Karité

Olio Doccia alla Mandorla

Trousse Bellezza Natale

Mini Cofanetto Regalo Fleurs De Cerisier Natale

Crema Ultra Légère

Il Calendario dell’Avvento dei Sogni Classico

Cofanetto Regalo per gli Invitati

Calendario dell’Avvento delle Stelle Premium

Grazie per aver letto!

xo xo, Elena

 

Ogni anno quando giro il calendario sul mese di ottobre sono completamente elettrizzata! Dell’autunno amo tutto. Ne amo i colori caldi… l’arancio delle foglie e delle zucche  mi da allegria e nello stesso tempo mi rilassa, così come il verde scuro e il marrone. Amo i gusti che sono presenti in questa splendida stagione, dai cachi alle verze, dai broccoli alla zucca, dalle castagne ai cavoli. È inoltre la stagione delle cioccolate calde! E così mi viene voglia di preparare torte e pane fatto in casa, di stare in casa la sera magari con un bel libro e un bicchiere di vino rosso.

Comincio a preparare spesso il tè e ad assaporarne uno diverso ogni giorno. Si accende il desiderio di rallentare il ritmo, di accoccolarmi su una poltrona avvolta da un plaid di cachemire, di accendere candele profumate e di ammirare le giornate che si accorciano sempre più lasciando spazio alla notte. Non capisco chi mi dice che è una stagione triste… per me è casa, è famiglia è una giornata di pioggia in cui ascolto Chopin…

Inizio a pregustarmi l’arrivo di Halloween e se come me, amate festeggiare (qualunque sia il motivo), perché non organizzare una bella cena tra amici o in famiglia aspettando che i bimbi suonino alla porta?

Ho scritto qualche ricetta a base di zucca che spero vi possano essere utili! 

Come antipasto ho deciso di preparare dei muffin alla zucca e speck con fonduta.

Taglia il porro a rondelle, e fallo appassire in una padella con poco olio extravergine di oliva e un pizzico di sale, quando sarà morbido e trasparente, aggiungi lo speck (tagliato a piccoli cubetti), e fallo rosolare insieme per un paio di minuti. Spegni il fuoco e lascia raffreddare.

Scalda la polpa della zucca (180 g) al forno a 180° per 20 minuti, poi falla raffreddare. Aggiungi l’olio (50 g), il latte (80 g) e frulla. Aggiungi ora il parmigiano ( un cucchiaio) e la farina (200 g) setacciata con il lievito ( mezza bustina), e incorporali un po’ per volta, senza creare dei grumi. Infine, aggiungi lo speck e il porro, e mescolali all’impasto. Se vuoi puoi anche aggiungere un uovo, io non lo metto per non appesantire troppo.

Prendi gli stampi da muffin e foderali con gli appositi pirottini di carta, oppure ungili con un po’ di burro. Distribuisci l’impasto negli stampini, senza riempirli completamente perché poi lieviteranno in cottura. Fai cuocere i muffin  in forno ventilato a 170° (oppure 180° se statico), per circa 20-25 minuti. Fai sempre la prova stecchino prima di spegnere. Servili tiepidi e se vuoi aggiungi la fonduta!

Di secondo Camembert al forno con miele.

Il camembert, per me, non può mancare in autunno. Adoro il suo intenso sapore e la sua cremosità!

Scalda il forno a 200°. Metti il Camembert in forno su una teglia. Fallo cuocere per circa 15 minuti finchè non sarà diventato morbido ( io lo lascio fondere leggermente). Una volta cotto estrailo dal forno, aggiungi del timo fresco e un cucchiaio generoso di miele. Prepara dei crostini aromatizzati al rosmarino da servire come accompagnamento. Io infine aggiungo anche qualche noce. È semplicissimo da preparare!

Penso che preparerò anche la crema di zucca. Ecco un trucchetto per scegliere una zucca perfetta: se la colpisci con la mano deve produrre un suono sordo; il picciolo deve essere morbido (non secco) e saldamente attaccato all’ortaggio. 

Pela la cipolla e tagliala a fettine sottili, falla ammorbidire con un po’ di acqua nella pentola, poi aggiungi l’olio. Falla cuocere nella pentola con l’olio per 2 – 3 minuti, a fiamma bassa, sino a che sarà tenera.

Con un coltello molto affilato, prepara la zucca togliendo la buccia e i semi poi tagliala a cubetti, poi uniscili alla cipolla e mescola bene, per far insaporire. Pela le carote, tagliale a rondelle e aggiungile alla zucca, mescolando ancora.

Aggiungi il brodo vegetale (che avrai prepararto a parte), senza passarlo con il mixer. Lascia sobbollire a fiamma bassa per circa 30/ 40 min sino a che le carote e la zucca saranno tenere.

Con un mixer a immersione frulla tutto sino a che otterrai la consistenza che desideri. Puoi servirla con un goccio di olio d’oliva crudo sopra, pepe nero, basilico fresco. In alternativa, cospargi la superficie con un pizzico di curcuma oppure zenzero.

Oltre alle ricette amo adornare la casa e riempirla di zucche, io quest’anno non ho avuto tempo ma se riuscite ad intagliarne una e metterci il lumino dentro, ricordatevi di posizionarlo su un davanzale di una finestra, in modo che i passanti possano vederla, sarà molto suggestivo.

La conoscete la leggenda di Jack O’ lantern?

La leggenda di Halloween per antonomasia!

Un fabbro irlandese di nome Jack, ubriacone e taccagno, incontrò, la notte di Halloween, il Diavolo in un pub. Stava per cadere nelle sue mani, quando riuscì ad imbrogliarlo facendogli credere che gli avrebbe venduto la sua anima in cambio di un’ultima bevuta. Il Diavolo, così, si trasformò in una monetina da sei pence per pagare l’oste e Jack fu abbastanza veloce da riuscire ad intascarsela. Poiché, poi, possedeva anche una croce d’argento, il Diavolo non riuscì più a tornare alla sua forma originaria. Jack, allora, stipulò un nuovo patto col Diavolo, e cioè che lo avrebbe lasciato andare purché questi, per almeno 10 anni, non tornasse a reclamare la sua anima. Il Diavolo accettò. Dieci anni dopo, Jack e il Diavolo si incontrarono di nuovo e Jack, sempre con uno stratagemma, riuscì a sottrarsi al potere del principe delle tenebre e a fargli promettere che non lo avrebbe cercato mai più. Il Diavolo, che si trovava in una situazione difficile, non poté far altro che accettare. Quando Jack morì, a causa della sua vita dissoluta, non fu ammesso al Regno dei Cieli e fu costretto a bussare alle Porte dell’Inferno; il Diavolo, però, che aveva promesso che non lo avrebbe cercato, lo rispedì indietro tirandogli addosso un tizzone ardente.Jack se ne servì per ritrovare la strada giusta e, affinché non si spegnesse col vento, lo mise sotto una rapa che stava mangiando. Da allora Jack vaga con il suo lumino in attesa del giorno del Giudizio (da qui il nome Jack O’ Lantern, Jack e la sua Lanterna) ed è il simbolo delle anime dannate ed errabonde. Quando gli Irlandesi, in seguito alla carestia del 1845, abbandonarono il loro paese e si diressero in America, portarono con sé questa leggenda e, poiché le rape non sono in America così diffuse come in Irlanda, le sostituirono con le più comuni zucche. Da allora, la zucca intagliata con la faccia del vecchio fabbro e il lumino all’interno, è forse il simbolo più famoso di Halloween.

PER ACQUISTARE IL POST- SHOP THE POST:

In cucina:

Stampo per muffin Tognana

Pirottini di carta

Mattarello

Frullatore a immersione Philips 

Vestiti:

Wolford Body

Salopette Pepe Jeans

 

 

Grazie per aver letto! Buon Halloween!

xo xo, Elena

Eccomi qui con una nuova recensione, questa volta per la notte di Halloween! Ho scelto alcuni film che per me sono davvero belli, soprattutto per una serata così speciale!

Autopsy di André Øvredal

Sono una grande ammiratrice del Sundance Film Festival, ogni anno cerco di vedere tutti film che vengono presentati, e così qualche anno fa avevo scoperto Øvredal. Questo regista norvegese ha un metodo narrativo molto elegante. Rimane delicato nonostante i temi trattati. Autopsy inizia come un giallo per poi sfociare nell’ horror con un tocco sovrannaturale. Il film è (ovviamente) girato negli interni di un obitorio, ma benché l’illuminazione sia del tutto artificiale, ho trovato la fotografia davvero bella. Lo definirei un film d’atmosfera dove una tempesta è in arrivo e la radio la fa da padrone. Una radio un po’ vecchia e con frequenze disturbate ma per mezzo della quale una canzone diventa protagonista anch’essa della pellicola ‘’ Open up your heart and let the sunshine in’’.

Ricordo che era appena uscito in dvd e non l’avevo ancora visto, sentii un’intervista fatta a Stephen King ( mio idolo incontrastato) in cui affermava di aver apprezzato così tanto questa pellicola da aver desiderato di scrivere lui stesso quel soggetto. Dopo circa dieci secondi mi sono catapultata ad acquistarlo. Questo film sarebbe adattissimo per la sera di Halloween… perché non vederlo mentre aspettate che i bimbi suonino alla porta?

                  

Venerdì 13 di Sean Cunningham

Venerdì 13 giugno 1979, con l’estate alle porte, vede l’appartato campeggio di Camp Crystal Lake popolarsi di studenti provenienti dalla città, tutti ignari che il luogo sia considerato maledetto dagli abitanti del posto.

Sarà, ma se mi mettete un’abitazione isolata e lontana dalla città, un gruppo di ragazzi ( tra cui Kevin Bacon!!!), un folle del villaggio che cerca invano di avvisare tutti ma che non viene ascoltato e una fitta boscaglia dove si nasconde un killer psicopatico… beh a me piace e soprattutto per la notte di Halloween! Annoverato tra le più significative pellicole che hanno rivoluzionato il genere horror a cavallo tra gli anni ’70 e ’80, è il film che ha dato il via ai sottogeneri slasher e splatterPossiede una grande atmosfera, ricordiamoci anche che è un film del 1980 e perciò molto originale per i tempi.

Le inquadrature poi sono un capolavoro, dalla soggettiva ravvicinata iniziale con l’assassinio dei due animatori e della ragazza dell’autostop a quelle a distanza nel campeggio che aumentano la suspense.

                          

                                Chiamata da uno sconosciuto di Simon West                                                           

Ecco qui un film in perfetto HalloweenStyle! Una villa extra-lusso isolata su una collina, un angosciante squillo del telefono che incombe sempre più assiduamente, un maniaco nascosto chissà dove, il vento che scuote ferocemente le chiome degli alberi.

Nonostante sia un remake del film Quando chiama uno sconosciuto del 1979 di Fred Walton, devo dire che tiene veramente incollati allo schermo per tutta la sua durata. Non è banalmente splatter come molti film di oggigiorno e anzi il regista ha utilizzato elementi affascinanti come le soggettive e alternanza di piani sonori. Avvincente anche il gioco di luci che rende la fotografia ancora più interessante, come del resto la scenografia nella quale protagonista assoluta è una statua in cima alle scale e che aumenta la grande suspense. Il senso di isolamento è palpabile e i dettagli dei disegni dei bambini che volutamente sono in conflitto con l’ansia che aumenta, come se un mondo puro e sicuro fosse stato spezzato e qualcosa di mostruoso stesse appunto per accadere. Deliziosa Camille Balle nel ruolo di protagonista.

Poltergeist di Tobe Hooper

Lo definirei un film che si muove verso l’oscurità, con mostri che vengono fuori dalla televisione… Gran parte del merito del successo di questo film è la piccola Carol Anne (Heather O’Rourke) che riesce ad essere in tutto e per tutto, il perno dell’intera vicenda e che riesce a coinvolgere lo spettatore tanto da portarlo nell’altra dimensione.
Ci troviamo all’interno di una classica famiglia americana del ceto medio. Interessanti i riferimenti capitalistici ricorrenti come il libro su Ronald Reagan.

Connubio perfetto tra la sceneggiatura di Spielberg e il tocco visionario di uno dei più grandi dell’horror anni ’70… HooperLa recitazione degli attori è ottima, così come la musica e il montaggio che rendono la pellicola estremamente dinamica e inquietante. Si può considerare un film davvero all’avanguardia per quello che concerne gli effetti speciali, che per l’epoca riescono a rendere credibili scene fortemente paranormali.
È un cult che consiglio assolutamente per questa serata speciale.

PER ACQUISTARE I FILM- SHOP THE POST:

Autopsy di André Øvredal

Venerdì 13 di Sean Cunningham

Chiamata da uno sconosciuto di Simon West

Poltergeist di Tobe Hooper

Grazie per aver letto!

xo xo, Elena